Ambiente
Ambiente

È ancora buono?
I generi alimentari si possono consumare anche dopo la data minima di conservabilità indicata sulla confezione! Provate a fare questi tre piccoli test:

  1. Test visivo: il prodotto appare in buono stato?
  2. Test olfattivo: il prodotto ha ancora l’odore che ha di solito?
  3. Test gustativo: mettete poco prodotto in bocca e analizzate il retrogusto.

«Da consumarsi preferibilmente entro»: la data minima di conservabilità
La data minima di conservabilità (DMC) corrisponde alla dicitura «Consumarsi preferibilmente entro» sulle confezioni dei prodotti. Essa indica per quanto tempo un prodotto è ancora fruibile senza peggioramenti a livello di qualità e di gusto. Se la data minima di conservabilità è stata raggiunta, ciò non significa necessariamente che un prodotto alimentare non possa più essere consumato. Se è rimasto chiuso ed è stato conservato adeguatamente, può rimanere commestibile anche dopo tale data. Provate a fare i nostri tre test!

«Da consumare entro»: la data di scadenza
L’indicazione della data di scadenza mediante la dicitura «Da consumare entro» si trova sui prodotti facilmente deperibili, come ad esempio la carne e il pesce freschi. Non appena viene raggiunta tale data, non bisognerebbe più consumare il prodotto.

Il rispetto dei diritti umani
Il rispetto dei diritti umani
 
Dona a Caritas
Dona a Caritas
 
Food Waste
Food Waste